Colpo di testa 210 / La sapienza, l’economia e il pensiero critico

Corriere di Como, 18 maggio 2021

Che al governo ci siano i sapienti è un ideale che attraversa la storia. Basterebbe sfogliare qualche pagina di Platone, che tra l’altro gode di una insperata attualità. Al governo più spesso vi sono i potenti, però, e anche quella potenza dei numeri che chiamiamo democrazia non è sempre garanzia di sapienza. I primi a dover essere sapienti sono proprio quei cittadini che eleggono i governanti, e questa esigenza di sapienza diffusa apre le porte ad una delicata opera educativa.

Continua a leggere

Colpo di testa 182 / Le parole stonate del rapper spacciatore

Corriere di Como, 3 novembre 2020

È un rapper che va per la maggiore. Non facciamo il nome, perché nel clima schizofrenico in cui viviamo si rischia di fargli addirittura pubblicità. Basti sapere che non è un giovincello, ha 55 anni, un’età cioè in cui un briciolo di saggezza si dovrebbe averla recuperata dalla vita. Anche perché si rischia, per il mestiere che fai, di assurgere a modello per una schiera di giovanissimi patiti per questo genere di musica e che non sanno sempre distinguere tra le canzoni e i messaggi che vengono veicolati. Continua a leggere

Colpo di testa 173 / Il bene comune e la felicità personale

Corriere di Como, 21 luglio 2020

I danni provocati dal coronavirus sono più numerosi di quelli rilevabili clinicamente. La pandemia di Covid-19 – che continua a mietere vittime in tante parti del mondo – ha generato una specie di confusione nella fase decisionale, che si avverte nei singoli soggetti e anche nei consessi internazionali. Continua a leggere

Colpo di testa 106 / I pastori sardi, mia nonna e il latte versato

Corriere di Como, 26 febbraio 2019

Quando ero piccolo, la mia nonna mi raccontava una storia, che un poco riusciva a terrorizzarmi. Riguardava l’aldilà, o meglio quella sorta di «terra di mezzo» che serve ad entrarvi. Ci sarà qualcuno – la nonna parlava addirittura di san Pietro, portinaio del paradiso – che mi darà una cesta per raccogliere tutto il cibo avanzato nel piatto per capriccio e quindi finito nella spazzatura. Il particolare tragico della storiella era che la cesta in questione è senza fondo. Continua a leggere

Ma chi l’ha detto che il calo dei consumi è un male?

I consumi sono quelli di trent’anni fa. Spendiamo per cibo, bevande e tabacco come nel 1981: lo dice l’Istat. Naturalmente, tutto ciò genera allarmismo: l’Italia è in “recessione tecnica”. Continua a leggere