Un’attesa già abitata…

PRIMA DOMENICA DI AVVENTO – Anno A

Inizia un nuovo anno liturgico. E inizia con un… avvento. I cristiani hanno preso questa parola – adventus – dal vocabolario dei romani che con essa indicavano il giorno fisso in cui la divinità veniva ad abitare ogni anno nel tempio a lei dedicato. È fin troppo facile comprendere quale sconvolgimento avviene nel momento in cui i cristiani applicano questa parola al loro Dio. Una divinità? No, l’unico Dio che sta in cielo e che è venuto sulla terra, non però provvisoriamente, ma assumendo davvero una carne umana. Continua a leggere

Battesimo del Signore. Un popolo in attesa?

Chiudendo il tempo del Natale siamo come ricondotti al suo germe fecondo, l’attesa. Ben strana è questa nostra fede che, dopo averci fatto gustare la pienezza di Dio nella carne umana, dopo averci condotto insieme ai Magi ad adorare il Bambino di Betlemme, ora ci riporta all’immagine sublime di un popolo in attesa. Continua a leggere

Prima Domenica di Avvento. La porta della luce.

«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle». C’è qualcuno – i Magi – che  arriva alla fine delle feste di Natale, che quel segno nel cielo lo ha visto e si è messo in cammino, con la tenacia di un lungo viaggio. Oggi, nella prima domenica di Avvento di un nuovo anno liturgico, anche noi vogliamo metterci in cammino, ascoltando l’appello che il Vangelo ci rivolge: «Vegliate in ogni momento pregando». Continua a leggere

Le barche e il lago della vita…

Mercoledì scorso ho parlato della bellezza. Era una sera fresca sul sagrato della mia chiesa. La magnifica voce di Erika Renai e le melodie del violino di Stefano Grossi mi hanno accompagnato nella mia esposizione.

Ora pubblico questa fotografia scattata solo qualche sera prima in uno di quei luoghi che riescono a fecondare lo spirito, a dare un senso di pace, a scatenare la calma e insieme la passione della bellezza. Continua a leggere