Como: 40 mila elettori su 69 mila hanno deciso di non decidere!

Le percentuali sono un’invenzione della democrazia mediatica: piacciono ai politici e alla gente e sono comode perché semplificano la lettura dei dati. A me piacciono i numeri, che hanno una minore ambiguità nel rappresentare la realtà (la quale, sia chiaro, è ben più complessa e ampia e vera dei numeri stessi!). Ormai, a furia di percentuali, i numeri delle elezioni si fa fatica a trovarli, anche sui giornali… Vorrei riferire a caldo le mie impressioni epidermiche, quasi banali, sui numeri delle elezioni amministrative di Como che (finalmente) si sono chiuse con un verdetto atteso da mesi. Scrivo non nella veste di cittadino elettore del capoluogo lariano, ma come giornalista comasco.

In questo 2012 gli elettori chiamati alle urne sono stati 69.618. I votanti al primo turno del 6/7 maggio sono stati 41.984. I votanti al ballottaggio del 20/21 maggio sono stati 29.751 per complessivi 28.837 voti validamente espressi (escluse le schede bianche e le nulle).  Il sindaco eletto ha raccolto 21.562 voti. Coloro che non lo hanno votato degli aventi diritto sono stati quindi 48.056 cittadini elettori. E di essi solo 7.238 lo hanno fatto, perché hanno preferito dare il loro voto all’altro candidato.

Per fare un paragone con le precedenti elezioni amministrative, nel 2007 (vi fu solo un turno senza ballottaggio) votarono 47.551 elettori su 69.792 aventi diritto al voto. Ci furono 570 schede bianche e 1.699 schede nulle. I voti validi furono pertanto 45.282. Furono 24.510 i cittadini comaschi aventi diritto che non andarono a votare o non scelsero nessun candidato. Il sindaco eletto raccolse 25.761 voti.

Il dato numerico è sconfortante, ben più delle percentuali: ci sono oltre 40 mila elettori su 69 mila che hanno deciso di non decidere. Il sindaco eletto può contare su poco più di 21 mila voti su 69 mila elettori. La democrazia ci ha abituato a calcolare chi vince e chi perde con la regola del 50% più uno di chi esprime un voto. Chi non si reca alle urne è democraticamente perdente. Ma una moria di elettori così alta fa sì che la democrazia di fatto raggiunta sia quasi paragonabile ad una oligarchia, ad un governo deciso dai pochi. Certo, non sono i pochi per censo o per nobiltà di sangue, ma sono i pochi per volontà di esprimere il voto. Vuol dire che tutti gli altri – e a Como non sono pochi, perché sono appunto oltre 40 mila – o questa voglia l’hanno persa per colpa di una cattiva amministrazione e per scarsa fiducia nella classe politica oppure non hanno trovato nessuno valido da scegliere – ma i partiti erano ben 24 e i candidati sindaci ben 16!

C’è da preoccuparsi. Oltre che, naturalmente, da augurarsi e da sperare che chi è stato eletto dai pochi che sono andati a votare riesca a invertire la rotta, a favore anche dei molti che non si sono recati alle urne…

Annunci

One thought on “Como: 40 mila elettori su 69 mila hanno deciso di non decidere!

  1. Caro Don Agostino, è veramente deprimente leggere questi dati, sono il segno della perdita di fiducia verso tutta la classe politico-amministrativa……ma nulla giustifica il “non voto”……credo nella democrazia e nella sua espressione nobile, che è il VOTO…..faticosamente ed eroicamente ottenuto dai nostri padri…..penso a quanti ancora non possono votare. La gente italiana è abbastanza matura per capire quanto il voto sia l’unico modo di manifestare il nostro volere. Chi si rifiuta di andare a votare rinuncia, automaticamente, ad avere voce in capitolo. sarebbe utile segnalare chi non vota su un apposito registro degli ” indegni della democrazia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...