Commemorazione di tutti i fedeli defunti. Il legame con il Cielo…

Che cosa accade nel passaggio dalla Solennità di Tutti i Santi alla Commemorazione dei Fedeli Defunti? Poche ore separano queste due feste, che noi vogliamo ostinatamente così diverse e che invece la Chiesa maternamente ci costringe a celebrare insieme. La giornata odierna, tutta incentrata sulla preghiera per i defunti, ci rende vicina la solennità celebrata ieri. Vicina, perché sentiamo ancora vicini i nostri cari defunti, talmente vicini da desiderare che siano ancora con noi. E attraverso la vicinanza dei nostri cari, ci diventa caro e vicino l’intero Paradiso: «la moltitudine immensa che nessuno poteva contare» di cui ci ha parlato ieri l’Apocalisse di Giovanni non ci è più estranea, perché ci sembra che a farne parte siano già coloro che un giorno non lontano, magari fino a poco tempo fa’, hanno abitato con noi, hanno condiviso il nostro amore, sono stati per noi madre, padre, moglie, marito, fratello, sorella, addirittura figlio o figlia. E ci viene quasi spontaneo dire che: non «sono stati», ma «sono» per noi, anche se in modo diverso, madre, padre, moglie, marito, fratello, sorella, figlio o figlia. Continuano ad esserlo, grazie all’amore e all’affetto che la tomba non è riuscita a seppellire, grazie alla preghiera che istituisce un legame solido capace di superare il tempo, grazie alla presenza eucaristica del Cristo risorto che ci nutre e ci mette in comunione misteriosa con la Chiesa del cielo, che così, per noi, non rischia di essere un luogo senza volto, ma ha il volto di coloro che amiamo e che ci amano, e che in quella casa già abitano. Ecco, allora, che la commemorazione dei defunti diventa occasione concreta per riaffermare la nostra fede nella risurrezione: i morti sono vivi non solo nella nostra memoria, ma nel mistero di Gesù Risorto. Il che equivale a dire che la speranza non è solo una proiezione del nostro sentimento, ma si fonda su un Fatto che ha scombussolato l’intera storia. Questo fatto – la risurrezione di Cristo – riesce a svelare in qualche modo il mistero della morte, annunciandoci da subito il destino che attende la nostra vita terrena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...