La vera onnipotenza di Dio

DICIANNOVESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno A

Che cosa intendiamo quando diciamo di credere in un Dio onnipotente? Quale immagine di Dio si forma in noi? Forse quella di Gesù che cammina sulle acque, segno di un potere e di un dominio che mette sotto i piedi le forze oscure del male. E Dio effettivamente è ben più forte di un vento impetuoso che spira in senso contrario. Ma attenti a non trasformare questo Dio in un amuleto da tirar fuori dalla tasca quando siamo in difficoltà.L’onnipotenza non sta nei piedi che camminano sul mare, ma nel volto che trasmette sicurezza, nella mano che afferra, nella parola che infonde coraggio e affonda le paure. Se ne accorse Pietro, che aveva chiesto di condividere la potenza di Gesù – e fu accontentato – ma dovette sperimentarne la tenerezza, attraversando la paura e il dubbio. Insomma, la vera onnipotenza di Dio la si scorge sul volto di Gesù che incrociamo con le nostre vite colme di insicurezza. Che l’onnipotenza si nasconda nella tenerezza è cosa che il nostro mondo non solo non vuole accettare, ma irride con supponenza e prepotenza. Che la vita sia segnata dall’insicurezza è una evidenza, che il nostro mondo cerca di esorcizzare, ostentando le sue false sicurezze, salvo vedersele crollare improvvisamente. L’onnipotenza del mondo è in realtà una lunga rassegna di paure, di emergenze, di baratri oscuri e imprevedibili che s’aprono sotto i piedi: basta ascoltare un telegiornale per accorgersi che è così, tanto che anche il linguaggio della informazione è sempre più apocalittico. Gesù, invece, è davvero potente, perché il mare sa tenerlo sotto i suoi piedi, ma la sua potenza ostenta conforto, misericordia e ci viene incontro con grande considerazione delle nostre debolezze. Una anticipazione di questa onnipotenza vera era stata data sul monte Oreb al profeta Elia. Dio non passa nel vento impetuoso, nel terremoto, nel fuoco, ma nel sussurro di una brezza leggera. Quando sulla terra arriverà Gesù, questa rivelazione debole dell’onnipotenza di Dio troverà in lui l’evento che la rende presente per sempre. Facciamo ancora fatica ad accoglierla…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...